Caricamento Eventi

← Torna agli Eventi

Giorgio Setti

Giorgio Setti, nato a Modena l’8 marzo 1960 è un giornalista agricolo. Si è laureato in Scienze Agrarie all’Università di Bologna nel 1985, con 110 e lode. Dopo aver svolto diverse attività lavorative nell’agricoltura modenese, dal 1988 a tutt’oggi svolge attività di redattore presso la casa editrice Edagricole di Bologna, che oggi fa parte del Gruppo Tecniche Nuove. Dal 1992 è giornalista professionista, iscritto all’Ordine Regionale Bologna, elenco Professionisti. Presso l’Edagricole da diversi anni è capo redattore di tutte le riviste, compresa “Terra e Vita”, e coordinatore delle riviste “Informatore Zootecnico” e “Rivista di Suinicoltura”.

Prossimi Eventi

  • Non sono stati trovati risultati.

Eventi passati

  • Non sono stati trovati risultati.
maggio 2018
15 maggio 2018 | 14:00 - 16:00
CREA ZA, Via Antonio Lombardo, 11
Lodi, LO 26900 Italia
+ Google Maps

Salvaguardia, conservazione e uso sostenibile delle risorse genetiche animali e dei sistemi acquatici

La conferenza di Rio de Janeiro del 1992 ha messo in luce che il destino del pianeta è gravemente minacciato dall’inquinamento, dalla deforestazione e da uno sfruttamento improprio delle risorse naturali. Le ricerche effettuate negli ultimi anni sul rapporto tra i cambiamenti climatici e la modificazione del patrimonio delle risorse naturali mettono in evidenza che l’impoverimento della diversità genetica delle specie si ripercuote sui periodi di riproduzione di piante e animali, sulle migrazioni, sulla distribuzione delle specie e sulla dimensione

15 maggio 2018 | 10:40 - 13:00
CREA ZA, Via Antonio Lombardo, 11
Lodi, LO 26900 Italia
+ Google Maps

Conservazione della biodiversità e degli habitat acquatici

La conferenza di Rio de Janeiro del 1992 ha messo in luce che il destino del pianeta è gravemente minacciato dall’inquinamento, dalla deforestazione e da uno sfruttamento improprio delle risorse naturali. Le ricerche effettuate negli ultimi anni sul rapporto tra i cambiamenti climatici e la modificazione del patrimonio delle risorse naturali mettono in evidenza che l’impoverimento della diversità genetica delle specie si ripercuote sui periodi di riproduzione di piante e animali, sulle migrazioni, sulla distribuzione delle specie e sulla dimensione

+ Esporta eventi